Su di me

Non mi ricordo com’è cominciato.  A volte, soprattutto negli ultimi anni, mi sono chiesta quale fosse stata la prima volta.  La prima volta che ho provato le vertigini e che ho avuto paura di cadere. La prima di altre infinite volte. Eppure non mi ricordo il fatto, o i fatti, che mi hanno scatenato tutto quello che ne è conseguito. Vorrei tanto ricordare. Ma io mi sento il mio sintomo cucito addosso. E non mi ricordo come possa essere la mia vita senza.

La mia storia

Sono nata il 21 aprile 1983 e la mia vita non ha apparentemente subito gravi traumi.

Non mi è mai mancato niente fin da bambina.

Sono stata, a detta di molti, una privilegiata. Ho avuto una vita facile. E tutto sommato felice.

Eppure già alle elementari vivevo in questo stato di “barcollamento”.

Espressione più comune.. “mi gira la testa!”

… e un calvario pazzesco a cercare di capire perché …

Girato i migliori specialisti in ogni settore per capire come mai a una bambina di 9 anni ogni tanto quando camminava girava la testa! E in effetti quella bambina di 9 anni non aveva niente che non funzionasse.

Così è stata la mia vita, costellata di capogiri a intermittenza, paura di fare e di, eventualmente, cadere. E se c’era da cadere cadevo.

Avevo i miei amici, a scuola andavo mediamente bene senza eccessi, la mia famiglia mi adorava, il paese in cui vivevo mi piaceva.. Chissà cosa c’era che non andava, che mi bloccava, che mi paralizzava.

Ho scoperto verso i 18 anni che era solo “ansia”; ma cosa c’era che mi rendeva ansiosa?Questo in realtà ancora non lo so.

Come mai quando cammino barcollo? Mi gira la testa, ho bisogno di un appiglio e/o appoggio e/o supporto?

Il mio viaggio alla scoperta del mio modo di essere non è ancora finito, anzi credo sia appena cominciato.

Ora io non sono più quella bambina a cui ogni tanto girava la testa. Ora io sono una donna a cui gira la testa che ogni tanto si trova magicamente in equilibrio. Ora io e il mio sintomo siamo una cosa sola. Non è piacevole, è devastante… anche perché apparentemente sono solo balle!

E io sono sempre quella persona che ama fare cose e vedere gente.


Amo, in ordine sparso:
  • Leggere
  • Frequentare gli amici
  • La pizza
  • La musica
  • Viaggiare
  • Guardare il mare
  • Sognare ad occhi aperti
  • Scrivere
  • Pensare
  • Il mio lavoro
  • Fotografare
  • Passeggiare

Scrivimi

Vuoi conoscermi meglio e approfondire con me l’argomento “ansia”? Oppure vuoi raccontarmi la tua esperienza? Scrivimi e ti contatterò il prima possibile!